Quando è obbligatorio il progetto acustico? tipi di interventi e parametri da rispettare!



Il progetto acustico legato alla misurazione acustica. Ma come si svolge?

La fonometria è una disciplina scientifica che studia la misurazione dell’intensità sonora. Più nello specifico la fonometria si occupa delle sorgenti, dell’intensità, della diffusione, della captazione e delle conseguenze dei suoni attraverso molteplici attività al fine di eseguire una perizia fonometrica. Per ciò che riguarda l’analisi impatto acustico si sottolinea che si tratta di un insieme di valutazioni, di norma previsionali, sull’impatto acustico di determinate attività, interventi o macchinari per tutelare la salute della popolazione esposta ai rumori più disparati a casa, a scuola, in ospedale o a lavoro e pianificare le soluzioni più adatte al caso considerato. In merito a tali tematiche ecco alcuni approfondimenti sulle rilevazioni fonometriche ed analisi impatto acustico.

OBBLIGATORIA LA PERIZIA ACUSTICA

Diventa sicuramente obbligatoria la perizia acustica quando?

Per quanto riguarda il nuovo immobile, la principale certificazione acustica richiesta è quella della verifica dei requisiti acustici passivi degli edifici.
In particolare gli edifici devono avere un buon isolamento l'uno dall'altro, non devono superare la soglia di rumore proveniente dall'esterno, stabilita da specifici parametri
Anche il rumore del calpestio in un appartamento è soggetto a specifiche misurazioni e deve rientrare nei valori stabiliti dalla legge in materia.
Poi va eseguita una certificazione fonometrica anche all'interno delle sale caldaie, se l'immobile è dotato di riscaldamento a carburante e dell'area in cui staziona la caldaia.
La presenza dei motori per il sollevamento e lo spostamento dell'acqua nelle diverse unità abitative infatti è fonte di rumori che potrebbero generare fastidi agli appartamenti più vicini agli ambienti di contenimento dell'autoclave.
Stessa certificazione va redatta per gli ascensori presenti all'interno dell'immobile. Di questi oneri se ne occupa il costruttore, ovvero l'azienda che realizza l'intero edificio, oppure i condomini nel caso in cui alcune opere e macchinari vengano realizzati successivamente.
I comuni sono i soggetti maggiormente interessati al controllo dei requisiti di insonorizzazione acustica da parte delle aziende operanti nel territorio e degli immobili. 
Anche nel caso in cui decidiate di intraprendere una nuova attività, in cui è previsto l'utilizzo di impianti o macchinari rumorosi, dovete fare eseguire dei rilievi ed una conseguente certificazione di perizia acustica. Infatti in caso di assenza di questo documento non è possibile ottenere le specifiche autorizzazioni all'esercizio dell'attività.
Sono obbligate a presentare la Valutazione di Impatto Acustico anche le attività quali:   - ristoranti, pizzerie, trattorie, bar
- attività ricreative
- attività agrituristiche
- attività culturali e di spettacolo
- sale da gioco
- palestre
- stabilimenti balneari
che utilizzano impianti di diffusione sonora o che svolgono eventi con diffusione di musica o l'utilizzo di strumenti musicali.
Allo stesso tempo, a prescindere dalla distinzione di cui sopra, è fatto obbligo di presentare la valutazione di impatto acustico nel caso in cui detti limiti possano essere superati.
Diversamente da quanto praticato sin ora, alla luce della recente entrata in vigore (19 febbraio 2012) del D.P.R. n.227 del 2011 inerente la semplificazione degli adempimenti amministrativi gravanti sulle imprese, l'attuale situazione è la seguente.

Sono tenuti a presentare la Valutazione di Impatto Acustico redatta da un Tecnico abilitato tutte le attività quali discoteche, circoli privati, impianti sportivi e ricreativi e tutti i pubblici esercizi ove siano installati macchinari o impianti rumorosi, nonché le infrastrutture di trasporto, TRANNE le seguenti Attività

EnglishFrenchItalian
error: Il Contentuto è protetto da copyright di ArcoAcustica